Mettiti in comunicazione con noi

Come conduco un primo colloquio, parte II

Practice

Come conduco un primo colloquio, parte II

I vari tipi di colloqui psicologici e i loro utilizzi

Come dicevamo nell’articolo precedente circa l’impostazione di un primo colloquio psicologico (che puoi ritrovare facendo clic qui) è utile approfondire con te un argomento: i tipi di colloquio.

Generalmente i colloqui clinici dividono in tre tipologie:

A- strutturato;

B- semistrutturato;

C- libero.

Ciascuna di queste tipologie ha caratteristiche che ne rendono più o meno adatto all’utilizzo, a seconda dello scopo del colloquio e della abilità di chi lo tiene.

A. Il colloquio strutturato consiste, come puoi immaginare, in una batteria di domande che sono chiuse (vero-falso o sì-no o che danno qualche item in più di risposta). Chiaramente il vantaggio qui che puoi avere facilità a mantenere la direzione del colloquio alla fine dello stesso, avere tutte le informazioni che tu o la struttura in cui operi vi eravate prefissi di avere.

Ad esempio, all’inizio della pratica clinica in una struttura che, per fare l’analisi della domanda dei bisogni portati da chi hai davanti, questo tipo di colloquio ti garantirà la quota di dati necessaria

Stare così nel selciato, d’altronde, significa lasciare andare molte altre notizie che arricchirebbero il racconto.

Dal mio punto di vista, nel voler stabilire l’alleanza con chi a noi si racconta, trovo che per questa tipologia di colloquio siano necessarie profonde capacità empatiche, per sviare il pericolo di passare sul versante dell’interrogatorio. Allora, sorriso, accoglienza sono pertanto fondamentali in questo caso.

E, ad esempio, se la struttura nella quale opero me lo concedesse, inizierei dicendo che il colloquio prevede un certo numero di domande e illustrerei come mai è pensato così e non in un altro modo. In base alla risposta verbale e non verbale di chi è davanti, potrei inoltre scegliere se aggiungere che potrebbe sembrare un po’ antipatico rispondere semplicemente “Sì” o “No”, ma che c’è necessità di avere alcune informazioni  dirette e chiare, per procedere con la richiesta di presa in carico che egli esplicita.

Insomma… anche qui, dal mio punto di vista, l’idea di esplicitare sempre vincente.

B. Il colloquio semistrutturato prevede l’utilizzo di una serie di domande perlopiù aperte, che esplorino alcune aree stabilite queste possano per esempio essere:

  • dati del cliente o paziente (età, occupazione…);
  • storia familiare;
  • storia evolutiva;
  • storia affettiva e sessuale;
  • storia scolastica e lavorativa;
  • storia relazionale;
  • storia medica;
  • tipo di richiesta;
  • inviante.

Tenere a mente tutte queste aree, insieme con tutte le altre competenze richieste in un primo colloquio, aggiungendo il focus su come stiamo noi con la persona che ci sta davanti è una prassi che richiede un po’ di tempo, perché ci si possa sentire sufficientemente comodi.

Allora all’inizio, ti parlo del mio primo colloquio col mio primo cliente, avevo accanto a me un taccuino con su qualche appunto, qualche parola chiave attraverso cui avere chiarezza circa le aree esplorate e quelle da esplorare. Fu utile. Così come può essere utile prendere appunti.

A tal proposito mi va di dirti come mi sono regolata io e come mi regolo in merito.

Generalmente oggi non prendo appunti. Mi affido alla mia memoria. Ricordo molto, se non tutto ciò che è importante e anche di più. Noi psicologi sappiamo che la memoria lavora bene quando siamo attenti, perché l’attenzione è strettamente connessa la motivazione.

Ci sono cose che, ad esempio, proprio non potrei ricordare tipo il numero di telefono dello psichiatra che segue il mio paziente e con cui potrei voler o dover scambiare qualche parola. In quel caso, chiaramente, prendo appunti.

Per il resto sto comoda a mani libere.

Carta e penna, però, possono essere utili e, se ti domandi se possano un ostacolo alla relazione, in coscienza mi viene da dire di no.

Ovviamente tutto dipende da come gli utilizzi.

Negli anni della mia formazione ricordo che rimasi stupita, quando vidi un video di una mia didatta, Lorna Smith Benjamin che sosteneva un colloquio in seduta con un suo paziente col pc addosso (si autosbobinava la seduta in tempo reale) sorseggiando un caffè americano e mantenendo un contatto partecipe, empatico, e nutrito con il suo paziente.

La nostra dev’essere una posizione comoda: lei la chiamava, ricordo, posizione caraibica.

Al contrario posso dire di aver visto persone lavorare senza pc, appunti o altro, ma con distacco, distanza e giudizio.

Lo strumento siamo noi, con le nostre risorse e, ancora una volta esplicitare come noi utilizziamo carte penna o altro offre libertà ad entrambe le parti.

Lascio a te le conclusioni sui vantaggi e sugli svantaggi dell’utilizzo di questo tipo di colloquio.

Nel prossimo articolo di questa serie parleremo interamente del colloquio libero.

A presto!

Ciao, mi chiamo Francesca di Sipio e sono l'ideatrice di questo portale web. Sono una psicologa clinica, psicoterapeuta, analista-transazionale ad approccio integrato, psicologa dello sport. Il mio studio è sul territorio di Chieti-Pescara. Mi trovi sui social, sulla mail ma soprattutto al 3477504713

Clicca per commentare

Devi essere loggato per pubblicare un commento Login

lascia un commento

Di più in: Practice

Intervista a Umberto Galimberti

Intervista a Oscar de Pellegrin

Bambini e sviluppo psicolinguistico

Come si crea e mantiene la relazione tra genitore e bambino?

Sport e psicologia, intervista a Paolo Nicolai (parte I)

Caso Clinico: esempio di clinica integrata

Sport e metafora, ne parlo con Andrea Zorzi

La fenomenologia come etica

Lo psicologo dello sport è il tuo miglior alleato

Chi scrive per noi…

Articoli più letti

Eventi

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Gli interventi avranno lo scopo di illustrare le competenze necessarie ed il quadro normativo che determinano le varie figure professionali, rispondendo alle seguenti domande: chi è, cosa fa, quali norme regolano la professione, quale percorso formativo bisogna seguire, prospettive lavorative.

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Dettagli

Data: 5/12  giugno
Ora: 18:00 – 20:00

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

Laboratorio di fotografia sociale

Laboratorio di fotografia sociale

Laboratorio di fotografia sociale

Dettagli

Data: 4/18/25 maggio

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Dettagli

Data: 17 giugno
Ora: 19:00 – 21:00

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

IO E LA SM

IO E LA SM

IO E LA SM

Dettagli

Data: 28 giugno 2014
Ora: 9:00 – 13:30

Organizzatore

AISM Chieti
Email: aismchieti@libero.it

Luogo

Sala convegni CIAPI
Viale Abruzzo, 323
Chieti, Italia
+ Google Maps
Telefono: 0871560348

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

Ho pensato questo evento di condivisione, se sei uno studente di psicologia o uno psicologo.

Parleremo insieme di un caso clinico da me seguito e ti mostrerò come ho impostato il piano di trattamento a partire dalla richiesta del paziente.

Un approccio pratico, ti offrirò anche riferimenti bibliografici.

Staremo insieme saremo in una sessione Skype condivisa e saremo in 4 massimo in 6.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere sempre aggiornato, iscriviti alla newsletter gratuita: ogni mese contributi interessanti per te!

Scrivi sul blog

Children see, children do

To Top