Mettiti in comunicazione con noi

L’attesa di un figlio

Corpo

L’attesa di un figlio

Quando cominciamo a pensarci genitori e come ci cambia la vita?

C’è un testo straordinario utile alle mamme che aspettano un bambino, scritto da Stern e da sua moglie con l’aiuto di una giornalista.

Nascita di una madre“.

Sebbene questo focus esclusivo sulla madre sia ai miei occhi un po’ superato, in particolar modo se penso ai padri che accompagno nella mia pratica clinica, lo sguardo dei due autori si allarga dalla mamma piano piano al papà e alla coppia.

Ma cosa significa aspettare un bambino?

E ancora quando comincia questa attesa?

Essa in qualche modo comincia quando iniziamo a pensarci genitori, penso a uno dei giochi più antichi e comuni: quello di mamma-padre e figlio. Così i bambini si sperimentano come genitori offrendo cure e una storia da intessere con quel bambolotto e con chi si presta a queste ludiche sperimentazioni.

Questa idea di  genitorialità ha un naturale tempo di latenza in adolescenza ed è poi quando il ragazzo o la ragazza sono chiamati a pensare il proprio futuro, questo figlio può prendere un posto nei progetti e nei sogni.

Tuttavia questa attesa si intensifica quando la gravidanza viene ricercata.

Si fantastica un bambino cui attribuiamo caratteristiche morali, personoligiche, fisiche.

Secondo Stern è tuttavia nei mesi che anticipano e seguono il parto che l’assetto materno viene a stabilizzarsi.

Con assetto materno intendiamo l’insieme di quei cambiamenti che si generano nella psicologia di una donna quando essa consapevolezza di essere madre.

Non si tratta semplicemente di una organizzazione della vita mentale – spiega Stern- ma della nascita di una organizzazione del tutto nuova che coesisterà accanto alla precedente e con ogni probabilità la influenzerà“.

In questo è fondamentale quel passaggio dell’essere figli all’essere genitore. Questa transizione di identità genera un grande scompiglio emotivo che si esprime in sentimenti di potenza e impotenza. Un passaggio di identità definitivo, in cui risiede la nostra consapevolezza circa le relazioni di attaccamento precoci che ci hanno riguardato.

Quando si aspetta un figlio è possibile che la produzione onirica sia più ricca e che i contenuti dei sogni possano riguardare paure e angosce profonde legate a questa fase di vita.

È bene sottolineare come esista un intreccio fittissimo tra il bambino immaginario e il nostro pensarci genitori. Le statistiche e le evidenze cliniche, inoltre, ci suggeriscono come all’ottavo mese l’immagine del bambino immaginato sia quasi completa e ricca. Tra l’ottavo e il nono mese questa immagine viene piano piano disfatta, quasi che il bambino immaginario ora debba lasciare il posto a quello reale.

È pur vero che ad ogni nascita il bambino reale è un po’ come se incontrasse quello immaginario. Compito del genitore è tuttavia quello di sintonizzarsi in modo libero o il più libero possibile sul bambino reale, lasciando che, nella relazione che nasce o meglio assume sembianze specifiche, questa nuova terna formata da bambino, madre e padre possa crescere ed esprimere la propria unicità: un lavoro che dura, più o meno, tutta la vita.

 

Ciao, mi chiamo Francesca di Sipio e sono l'ideatrice di questo portale web. Sono una psicologa clinica, psicoterapeuta, analista-transazionale ad approccio integrato, psicologa dello sport. Il mio studio è sul territorio di Chieti-Pescara. Mi trovi sui social, sulla mail ma soprattutto al 3477504713

Clicca per commentare

Devi essere loggato per pubblicare un commento Login

lascia un commento

Di più in: Corpo

Intervista a Umberto Galimberti

Intervista a Oscar de Pellegrin

Bambini e sviluppo psicolinguistico

Come si crea e mantiene la relazione tra genitore e bambino?

Sport e psicologia, intervista a Paolo Nicolai (parte I)

Caso Clinico: esempio di clinica integrata

Sport e metafora, ne parlo con Andrea Zorzi

La fenomenologia come etica

Lo psicologo dello sport è il tuo miglior alleato

Chi scrive per noi…

Articoli più letti

Eventi

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Gli interventi avranno lo scopo di illustrare le competenze necessarie ed il quadro normativo che determinano le varie figure professionali, rispondendo alle seguenti domande: chi è, cosa fa, quali norme regolano la professione, quale percorso formativo bisogna seguire, prospettive lavorative.

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Dettagli

Data: 5/12  giugno
Ora: 18:00 – 20:00

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

Laboratorio di fotografia sociale

Laboratorio di fotografia sociale

Laboratorio di fotografia sociale

Dettagli

Data: 4/18/25 maggio

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Dettagli

Data: 17 giugno
Ora: 19:00 – 21:00

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

IO E LA SM

IO E LA SM

IO E LA SM

Dettagli

Data: 28 giugno 2014
Ora: 9:00 – 13:30

Organizzatore

AISM Chieti
Email: aismchieti@libero.it

Luogo

Sala convegni CIAPI
Viale Abruzzo, 323
Chieti, Italia
+ Google Maps
Telefono: 0871560348

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

Ho pensato questo evento di condivisione, se sei uno studente di psicologia o uno psicologo.

Parleremo insieme di un caso clinico da me seguito e ti mostrerò come ho impostato il piano di trattamento a partire dalla richiesta del paziente.

Un approccio pratico, ti offrirò anche riferimenti bibliografici.

Staremo insieme saremo in una sessione Skype condivisa e saremo in 4 massimo in 6.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere sempre aggiornato, iscriviti alla newsletter gratuita: ogni mese contributi interessanti per te!

Scrivi sul blog

Children see, children do

To Top