Mettiti in comunicazione con noi

La comunicazione nella coppia

Affettività

La comunicazione nella coppia

Non si tratta solo di parlare, ma di usare il corpo, i silenzi, gli sguardi, i gesti

Posto che ormai è noto a tutti il primo assioma della comunicazione: “non possiamo non comunicare“, quando una coppia dice “Non comunichiamo più“, chiaramente sta comunicando qualcosa.

Può sembrare paradossale, ma è così.

I modi in cui la coppia si incarta su se stessa nella comunicazione sono diversi e in questa sede ne vedremo alcuni.

  1. Frequenti litigi che rimpastano motivi per stare male o darsi addosso, ma spesso non sono che pretesto, metafora di bisogni della coppia che non trovano un’altra espressione.
  2. Non essere autentici, non dire davvero ciò he si prova o si pensa per i motivi più svariati: l’altro non mi capisce, non mi posso fidare, non parlo delle mie cose ecc. ecc.
  3. Chiudersi nel silenzio e allontanarsi dall’altro, segnando un solco invalicabile.
  4. Avere ruoli rigidi nella relazione: ad esempio uno dei due è sempre quello che accudisce e l’altro è sempre oggetto di cure.
  5. Non chiedere attenzioni, anche quando se ne sente un bisogno estremo, perché ricevere una “carezza” su richiesta rende la stessa priva di valore.

Ecco su quest’ultimo punto Berne ha scritto molto e io, in accordo con lui, ritengo che se richiedo un’attenzione l’altro è libero di accogliere o meno la mia richiesta e questa libertà è cifra di genuinità del gesto.

Troppo spesso le coppie si “rovinano” sotto la pretesa che l’altro intuisca il bisogno, la richiesta, che l’altro legga il pensiero o colga un bisogno che noi stessi abbiamo sotterrato tra le pieghe delle nostre paure.

Ecco io penso che un dono che possiamo fare all’altro, a noi stessi e alla coppia sia quello di essere espliciti, di chiedere, di mettere l’altro nella condizione di potersi prendere cura di noi, di lasciarci amare, senza tranelli, senza paure.

Se l’altro conosce i flussi della nostra esistenza, che ne conosca anche i deflussi, se conosce le nostre parole, che possa avere modo di sentire anche i nostri silenzi, se brinda con noi, possa anche piangere con noi.

Nella coppia tutto si rimpasta e diventa altro. Nella coppia e sull’altro è naturale che io proietti le mie paure e angosce più profonde e con esse anche il desiderio di un’autentica intimità possibile, in cui io possa essere amato per come sono e amare come sono e in questa circolarità chiarirmi sempre meglio sulla mia esistenza.

Compito dell’altro, compito reciproco è quello di accogliere le paure e e angosce e restituirle come risolvibili e condivisibili.

Questo non significa che l’altro non ci ferirà, anzi, quanto più l’altro sarà intimo ai nostri giorni, tanto più correremo il rischio di lasciarci ferire. Ma l’idea è quella che la crisi, l’incomprensione, il debacle possono essere apportatori di nuove aperture di senso.

 

Continue Reading
Potrebbe piacerti anche

Ciao, mi chiamo Francesca di Sipio e sono l'ideatrice di questo portale web. Sono una psicologa clinica, psicoterapeuta, analista-transazionale ad approccio integrato, psicologa dello sport. Il mio studio è sul territorio di Chieti-Pescara. Mi trovi sui social, sulla mail ma soprattutto al 3477504713

Clicca per commentare

Devi essere loggato per pubblicare un commento Login

lascia un commento

Di più in: Affettività

Intervista a Umberto Galimberti

Intervista a Oscar de Pellegrin

Bambini e sviluppo psicolinguistico

Come si crea e mantiene la relazione tra genitore e bambino?

Sport e psicologia, intervista a Paolo Nicolai (parte I)

Caso Clinico: esempio di clinica integrata

Sport e metafora, ne parlo con Andrea Zorzi

La fenomenologia come etica

Lo psicologo dello sport è il tuo miglior alleato

Chi scrive per noi…

Articoli più letti

Eventi

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Gli interventi avranno lo scopo di illustrare le competenze necessarie ed il quadro normativo che determinano le varie figure professionali, rispondendo alle seguenti domande: chi è, cosa fa, quali norme regolano la professione, quale percorso formativo bisogna seguire, prospettive lavorative.

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Dettagli

Data: 5/12  giugno
Ora: 18:00 – 20:00

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

Laboratorio di fotografia sociale

Laboratorio di fotografia sociale

Laboratorio di fotografia sociale

Dettagli

Data: 4/18/25 maggio

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Dettagli

Data: 17 giugno
Ora: 19:00 – 21:00

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

IO E LA SM

IO E LA SM

IO E LA SM

Dettagli

Data: 28 giugno 2014
Ora: 9:00 – 13:30

Organizzatore

AISM Chieti
Email: aismchieti@libero.it

Luogo

Sala convegni CIAPI
Viale Abruzzo, 323
Chieti, Italia
+ Google Maps
Telefono: 0871560348

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

Ho pensato questo evento di condivisione, se sei uno studente di psicologia o uno psicologo.

Parleremo insieme di un caso clinico da me seguito e ti mostrerò come ho impostato il piano di trattamento a partire dalla richiesta del paziente.

Un approccio pratico, ti offrirò anche riferimenti bibliografici.

Staremo insieme saremo in una sessione Skype condivisa e saremo in 4 massimo in 6.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere sempre aggiornato, iscriviti alla newsletter gratuita: ogni mese contributi interessanti per te!

Scrivi sul blog

Children see, children do

To Top