Mettiti in comunicazione con noi

Il Prof. Stanghellini illustra il metodo PHD della Scuola Fenomenologica-Dinamica

Contributi interessanti

Il Prof. Stanghellini illustra il metodo PHD della Scuola Fenomenologica-Dinamica

La restituzione della responsabilità senza biasimo come momento terapeutico per eccellenza

Fai clic sulla freccia nella foto e guarda la video-intervista

Nell’approccio fenomenologico-dinamico della costellazione degli indirizzi di psicoterapia, l’utilizzo di tecniche è di gran lunga subordinato alla conoscenza del metodo. In seguito alla piacevole chiacchierata fatta col suo fondatore fiorentino, il prof. Giovanni Stanghellini, potrei  quasi affermare che la tecnica è una: la consapevolezza del terapeuta.

Le tecniche comunemente intese -spiega il prof.- sono delle “Manipolazioni tese a creare un’intercapedine, un filtro tra sè e l’altro, per intervenire meccanicamente sull’altro.”

Il metodo, invece, è la strada da seguire e quello della scuola fenomenologica è riassunto nell’acrostico PHD.

P= Phenomenology

H= Hermeneutics

D= psychoDynamic

Il momento P consiste essenzialmente nel rendere lo psicoterapeuta in grado di far dispiegare al paziente la pagina della propria storia, mettendolo a proprio agio. “Per questo dal mio punto di vista– continua Stanghellini- noi dobbiamo formare la persona dello psicoterapeuta, non il tecnico“.

Il sintomo, infatti, non va eliminato o gestito, ma va fatto parlare, perché esso ci racconta della coscienza ma anche dell’inconscio dell’altro.

Dopodichè, ovvero dopo aver messo l’altro nella condizione di aprirsi, gli si chiede di assumere una posizione circa la propria emozione o il proprio desiderio esposto.

Questo è il momento dell’assunzione di responsabilità, il momento H.

“Non esiste patologia psichica che non comporti un’alterazione del dispositivo della responsabilità”

afferma con convinzione il Direttore della Scuola Fenomenologica-dinamica. La responsabilità, infatti, è un momento cruciale nel cambiamento terapeutico, che sfata del mito che vede i fenomenologi avulsi dalla realtà. Il terapeuta restituisce all’altro la responsabilità di se stesso, senza biasimo, determinando così il passaggio da una posizione di passività ad una di attività.

Depressione, schizofrenia, disturbo borderline di personalità o piccole nevrosi hanno in comune lo scompenso dell’equilibrio nel dispositivo della responsabilità.

Il professore procede sottolineando come il concetto di responsabilità abbia una matrice filosofica, pertanto non solo è lecito ma soprattutto necessario che nella formazione di uno psicoterapeuta si investa tempo nella riflessione filosofica.

Infine il momento D è quello in cui si chiede al paziente di ricostruire la storia della propria posizione esistenziale difronte alle riflessioni emerse. In cui si fanno i conti con copioni di vita e con la propria storia.

Risulta evidente come, da quanto emerso, ciascun terapeuta debba conoscere la propria filosofia di cura, ce n’è sempre una più o meno consapevole, a patto di non considerare il termine filosofia un termine astratto.

Buona riflessione, allora.

 

Ciao, mi chiamo Francesca di Sipio e sono l'ideatrice di questo portale web. Sono una psicologa clinica, psicoterapeuta, analista-transazionale ad approccio integrato. Il mio studio è sul territorio di Chieti-Pescara. Mi trovi sui social, sulla mail ma soprattutto al 3477504713

Clicca per commentare

Devi essere loggato per pubblicare un commento Login

lascia un commento

Di più in: Contributi interessanti

Intervista a Umberto Galimberti

Intervista a Oscar de Pellegrin

Bambini e sviluppo psicolinguistico

Come si crea e mantiene la relazione tra genitore e bambino?

Sport e psicologia, intervista a Paolo Nicolai (parte I)

Caso Clinico: esempio di clinica integrata

Sport e metafora, ne parlo con Andrea Zorzi

La fenomenologia come etica

Lo psicologo dello sport è il tuo miglior alleato

Chi scrive per noi…

Articoli più letti

Eventi

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Gli interventi avranno lo scopo di illustrare le competenze necessarie ed il quadro normativo che determinano le varie figure professionali, rispondendo alle seguenti domande: chi è, cosa fa, quali norme regolano la professione, quale percorso formativo bisogna seguire, prospettive lavorative.

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Dettagli

Data: 5/12  giugno
Ora: 18:00 – 20:00

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

Laboratorio di fotografia sociale

Laboratorio di fotografia sociale

Laboratorio di fotografia sociale

Dettagli

Data: 4/18/25 maggio

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Dettagli

Data: 17 giugno
Ora: 19:00 – 21:00

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

IO E LA SM

IO E LA SM

IO E LA SM

Dettagli

Data: 28 giugno 2014
Ora: 9:00 – 13:30

Organizzatore

AISM Chieti
Email: aismchieti@libero.it

Luogo

Sala convegni CIAPI
Viale Abruzzo, 323
Chieti, Italia
+ Google Maps
Telefono: 0871560348

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

Ho pensato questo evento di condivisione, se sei uno studente di psicologia o uno psicologo.

Parleremo insieme di un caso clinico da me seguito e ti mostrerò come ho impostato il piano di trattamento a partire dalla richiesta del paziente.

Un approccio pratico, ti offrirò anche riferimenti bibliografici.

Staremo insieme saremo in una sessione Skype condivisa e saremo in 4 massimo in 6.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere sempre aggiornato, iscriviti alla newsletter gratuita: ogni mese contributi interessanti per te!

Scrivi sul blog

Children see, children do

To Top