Mettiti in comunicazione con noi

Lealtà familiari

Relazioni

Lealtà familiari

Come si costruiscono relazioni autentiche in famiglia?

Lealtà è una parola davvero bella. Implicata una nostra capacità di mantenerci fedeli, ma anche di giocare pulito, di non imbrogliare.

Di lealtà in famiglia da un punto di vista psicoterapeutico si parla da tanti anni, è del 1988 il testo Lealtà Invisibili di Ivan Boszormenyi-Nagy.

Questo concetto è inerente la forza che tiene coeso un sistema, in cui convergono aspettative, valori e miti della famiglia stessa.

È una sorta di intreccio in cui la storia individuale e quella familiare si fondono e confondono.

Ma questo è un bene o un male?

Questo è un dato di fatto, può essere un bene o un male in base alla qualità dei legami che ci sono nell’intero sistema.

Nelle righe che seguono cercherò di rispondere ad una domanda che mi è arrivata da una lettrice del blog.

Come si possono creare in famiglia relazioni autentiche?

Davvero una domanda interessante.

Ma cosa c’entra il concetto di lealtà dell’introduzione con le relazioni autentiche?

Beh essere leali è un’arte che s’impara perlopiù in famiglia, così come l’autenticità. Va da sè che uso il termine lealtà nella sua accezione positiva, quella in cui ciascun membro del sistema famiglia può sperimentare di appartenere pur conservando la propria individualità.

Così come suggerito dalle osservazioni di Piaget individuazione e appartenenza sono i movimenti del respiro esistenziale di ciascuno di noi.

Fondamentale nello sviluppo di un Sè sufficientemente sicuro e stabile è sapere che io ‘appartengo‘ alla mia famiglia: che io sono di mio padre, di mia madre, di mio fratello, di mia nonna, di mio zio, di mia figlia e così via.

Appartenere significa sapere che c’è una parte profonda e vera di me nell’altro, in cui le mie radici affondano. Appartenere nel segno di un cognome, ovvero di un titolo che stabilisce una storia che trascende la mia storia personale, il cui moto va da un passato che non ho abitato ad un futuro che non abiterò, per transitare nel presente della mia storia.

Appartenere significa avere una sorta di meridiano e parallelo esistenziale, cui fare riferimento se mi smarrisco.

Individuarsi, invece, è il movimento contrario, in cui sperimento la mia unicità, in cui le mie peculiarità personali possono essere espresse pienamente, in cui la mia divergenza è cifra della mia irripetibilità.

Non sono la versione “taroccata” di mia madre, di mio padre o delle loro aspettative su di me. Io sono me stesso, con le mie qualità a partire dalle quali si scriverà un nuovo capitolo nel libro meraviglioso della mia famiglia, dell’intera umanità.

Pertanto, per rispondere a Pina, la nostra lettrice, una famiglia dalle relazioni autentiche è quella in cui ciascun membro può pienamente esprimere se stesso, senza filtri, in cui pregi e difetti possono essere parimenti accolti, in cui ciascuno può portare quella scintilla di novità espressa nella sua stessa esistenza, senza che la famiglia stessa perda la propria unicità fatta di valori, di storia, di attitudini e di desiderio che qualcosa di quel “noi” possa essere trasmesso alle generazioni future.

 

Continue Reading
Potrebbe piacerti anche

Ciao, mi chiamo Francesca di Sipio e sono l'ideatrice di questo portale web. Sono una psicologa clinica, psicoterapeuta, analista-transazionale ad approccio integrato, psicologa dello sport. Il mio studio è sul territorio di Chieti-Pescara. Mi trovi sui social, sulla mail ma soprattutto al 3477504713

Clicca per commentare

Devi essere loggato per pubblicare un commento Login

lascia un commento

Di più in: Relazioni

Intervista a Umberto Galimberti

Intervista a Oscar de Pellegrin

Bambini e sviluppo psicolinguistico

Come si crea e mantiene la relazione tra genitore e bambino?

Sport e psicologia, intervista a Paolo Nicolai (parte I)

Caso Clinico: esempio di clinica integrata

Sport e metafora, ne parlo con Andrea Zorzi

La fenomenologia come etica

Lo psicologo dello sport è il tuo miglior alleato

Chi scrive per noi…

Articoli più letti

Eventi

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Gli interventi avranno lo scopo di illustrare le competenze necessarie ed il quadro normativo che determinano le varie figure professionali, rispondendo alle seguenti domande: chi è, cosa fa, quali norme regolano la professione, quale percorso formativo bisogna seguire, prospettive lavorative.

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Dettagli

Data: 5/12  giugno
Ora: 18:00 – 20:00

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

Laboratorio di fotografia sociale

Laboratorio di fotografia sociale

Laboratorio di fotografia sociale

Dettagli

Data: 4/18/25 maggio

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Dettagli

Data: 17 giugno
Ora: 19:00 – 21:00

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

IO E LA SM

IO E LA SM

IO E LA SM

Dettagli

Data: 28 giugno 2014
Ora: 9:00 – 13:30

Organizzatore

AISM Chieti
Email: aismchieti@libero.it

Luogo

Sala convegni CIAPI
Viale Abruzzo, 323
Chieti, Italia
+ Google Maps
Telefono: 0871560348

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

Ho pensato questo evento di condivisione, se sei uno studente di psicologia o uno psicologo.

Parleremo insieme di un caso clinico da me seguito e ti mostrerò come ho impostato il piano di trattamento a partire dalla richiesta del paziente.

Un approccio pratico, ti offrirò anche riferimenti bibliografici.

Staremo insieme saremo in una sessione Skype condivisa e saremo in 4 massimo in 6.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere sempre aggiornato, iscriviti alla newsletter gratuita: ogni mese contributi interessanti per te!

Scrivi sul blog

Children see, children do

To Top