Mettiti in comunicazione con noi

Il gioco d’azzardo

Attualità

Il gioco d’azzardo

Possibili prospettive e risposte al crescente problema di molte famiglie: la ludopatia

Uno studio condotto da ricercatori dell’Istituto di Fisiologia Clinica – CNR – Sezione di epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari nel Dipartimento di “Patologia delle dipendenze” ASL TO3 Regione Piemonte e pubblicato nel novembre 2010 attesta come in Abruzzo una percentuale che va dal 39.5% al 44.3% dichiara di aver giocato d’azzardo almeno una volta nella vita.

Tra questi l’8.5% ha un profilo di rischio moderato/grave di gioco patologico. Il 20% dei giocatori prova l’impulso a giocare somme di denaro sempre più grosse e a tenere nascosta l’entità della giocata.

Il DSM IV Tr, (Manuale Diagnostico-Statistico dei Disturbi Mentali) descrive la Dipendenza da Gioco con questi criteri:

Persistente e ricorrente comportamento di gioco d’azzardo maladattivo, come indicato da cinque (o più) dei seguenti:

  • è eccessivamente assorbito dal gioco d’azzardo (per es., è eccessivamente assorbito nel rivivere esperienze passate di gioco d’azzardo, nel soppesare o programmare la successiva avventura, o nel pensare ai modi per procurarsi denaro con cui giocare);
  • ha bisogno di giocare d’azzardo con quantità crescenti di denaro per raggiungere l’eccitazione desiderata;
  • ha ripetutamente tentato senza successo di controllare, ridurre, o interrompere il gioco d’azzardo;
  • è irrequieto o irritabile quando tenta di ridurre o interrompere il gioco d’azzardo;
  • gioca d’azzardo per sfuggire problemi o per alleviare un umore disforico (per es., sentimenti di impotenza, colpa, ansia, depressione);
  • dopo aver perso al gioco, spesso torna un altro giorno per giocare ancora (rincorrendo le proprie perdite);
  • mente ai membri della famiglia, al terapeuta, o ad altri per occultare l’entità del proprio coinvolgimento nel gioco d’azzardo;
  • ha commesso azioni illegali come falsificazione, frode, furto, o appropriazione indebita per finanziare il gioco d’azzardo;
  • ha messo a repentaglio o perso una relazione significativa, il lavoro, oppure opportunità scolastiche o di carriera per il gioco d’azzardo;
  • fa affidamento su altri per reperire il denaro per alleviare una situazione finanziaria disperata causata dal gioco d’azzardo.

Il comportamento di gioco d’azzardo non è meglio attribuibile a un Episodio Maniacale.

Questa dipendenza diviene con molta frequenza la “malattia” di un intero sistema familiare,il cui esito è quello di uno sfaldamento del nucleo e spesso la messa “alla porta” di colui il quale presenta tale comportamento.

A tal proposito, infatti, sarebbe auspicabile, nel voler progettare interventi di supporto per questa che sembra essere sempre di più una vera e propria piaga, raggiungere dapprima coloro i quali soffrono di dipendenza da gioco, e i loro familiari e amici, offrendo supporto e un percorso di psicoterapia individuale, di gruppo e di coppia. E poi promuovere una corretta cultura del gioco.

L’intera comunità pertanto dovrebbe:

  • ridurre il vissuto di disperazione dei giocatori, offrendo loro un percorso di supporto;
  • ridurre il disagio familiare di quanti hanno nel proprio nucleo un soggetto affetto da Dipendenza dal gioco;
  • creare una rete di supporto e di prevenzione a tale disagio.

A proposito del punto n°3 certamente tutti noi ormai siamo a conoscenza di quanti milioni di euro muova questo tipo di dipendenza, con apparenti introiti non solo per i privati ma soprattutto per lo Stato. Ma i costi sociali di questo problema sono pressocchè incalcolabili.

Non resta che sperare, pertanto, che presto si arrivi all’autentica prevenzione, quella che non legalizza l’azzardo, quella che promuove salute e benessere nei fatti, quella che cura un unico interesse: quello della collettività.

Continue Reading

Ciao, mi chiamo Francesca di Sipio e sono l'ideatrice di questo portale web. Sono una psicologa clinica, psicoterapeuta, analista-transazionale ad approccio integrato, psicologa dello sport. Il mio studio è sul territorio di Chieti-Pescara. Mi trovi sui social, sulla mail ma soprattutto al 3477504713

Clicca per commentare

Devi essere loggato per pubblicare un commento Login

lascia un commento

Di più in: Attualità

Intervista a Umberto Galimberti

Intervista a Oscar de Pellegrin

Bambini e sviluppo psicolinguistico

Come si crea e mantiene la relazione tra genitore e bambino?

Sport e psicologia, intervista a Paolo Nicolai (parte I)

Caso Clinico: esempio di clinica integrata

Sport e metafora, ne parlo con Andrea Zorzi

La fenomenologia come etica

Lo psicologo dello sport è il tuo miglior alleato

Chi scrive per noi…

Articoli più letti

Eventi

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Gli interventi avranno lo scopo di illustrare le competenze necessarie ed il quadro normativo che determinano le varie figure professionali, rispondendo alle seguenti domande: chi è, cosa fa, quali norme regolano la professione, quale percorso formativo bisogna seguire, prospettive lavorative.

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Dettagli

Data: 5/12  giugno
Ora: 18:00 – 20:00

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

Laboratorio di fotografia sociale

Laboratorio di fotografia sociale

Laboratorio di fotografia sociale

Dettagli

Data: 4/18/25 maggio

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Dettagli

Data: 17 giugno
Ora: 19:00 – 21:00

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

IO E LA SM

IO E LA SM

IO E LA SM

Dettagli

Data: 28 giugno 2014
Ora: 9:00 – 13:30

Organizzatore

AISM Chieti
Email: aismchieti@libero.it

Luogo

Sala convegni CIAPI
Viale Abruzzo, 323
Chieti, Italia
+ Google Maps
Telefono: 0871560348

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

Ho pensato questo evento di condivisione, se sei uno studente di psicologia o uno psicologo.

Parleremo insieme di un caso clinico da me seguito e ti mostrerò come ho impostato il piano di trattamento a partire dalla richiesta del paziente.

Un approccio pratico, ti offrirò anche riferimenti bibliografici.

Staremo insieme saremo in una sessione Skype condivisa e saremo in 4 massimo in 6.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere sempre aggiornato, iscriviti alla newsletter gratuita: ogni mese contributi interessanti per te!

Scrivi sul blog

Children see, children do

To Top