Mettiti in comunicazione con noi

Dell’essere padri

Educazione

Dell’essere padri

Il coinvolgimento dell’uomo nell’attesa, nella cura e nella crescita dei figli

Quando nasce un bambino, nasce una mamma.

Quando nasce un bambino, nasce un papà.

E senza un papà non ci sarebbe una mamma e così, reciprocamente.

Mi sono a lungo chiesta come l’uomo possa vivere l’attesa di un figlio. Ho accompagnato diversi papà nel mio lavoro di terapeuta: alcuni  attraverso le vicende di gestazioni più o meno complicate, altri nelle vicende di aborti spontanei o decisi dalla donna, altri lungo difficili separazioni.

Culturalmente e biologicamente la funzione di accudimento e cura della prole si inscrive nel ruolo della madre maggiormente, ma quello che le mie osservazioni cliniche mi suggerisce è altro. C’è un movimento nuovo, che mi piace coltivare tra le pareti del mio studio e tra quelle domestiche.

Esistono uomini che desiderano condividere con la propria compagna la gioia e la fatica di crescere un figlio. Esistono uomini che sono stanchi ma felici, perché si alzano due o tre volte per notte per allattare il proprio figlio. Esistono padri che offrono alla madre la possibilità di tornare prima a lavoro, perché ci staranno loro con i piccoli.

La funzione paterna, secondo la psicoanalisi, alle prime battute, è quella di aprire la relazione simbiotica della madre col proprio bambino, ad una relazionalità in cui si è in tre.

C’è altro, c’è ancora altro che possiamo imparare da questa nuova generazione di padri che sta nascendo: che forse questa simbiosi ha da contemplare fin dalle prime battute la presenza del padre per diversi ordini di ragioni.

  1. Biologicamente senza di lui, ancora oggi, non ci sarebbe la gravidanza.
  2. Psicologicamente, perché attraverso di lui possa esserci un senso di appartenenza aperto, non esclusivista.
  3. Socialmente, perché uomini educati alla cura non generano uomini educati alla violenza.

Possiamo imparare che la cura è una risorsa non solo ad appannaggio delle donne.

Possiamo imparare che una donna non smette di essere tale, solo perché ha generato un figlio e la società, le famiglie di origine, la comunità si aspettano che sia lei, quasi esclusivamente lei, a prendersi cura del piccolo.

Ci sono famiglie che tengono presente da subito che le cure e le responsabilità possono essere condivise, che quell’uomo e quella donna il dono più grande che possono farsi è di supportarsi e incoraggiarsi nel trovare vie nuove di accompagnamento dei figli e della coppia stessa.

Se si attivasse sempre di più un circolo virtuoso di questo genere, i nostri studi si riempirebbero di genitori che vengono per capire il come della genitorialità e si svuoterebbero di madri in depressione post partum.

Ci sono donne che non aspettano il proprio compagno per montare il seggiolino della macchina.

Ci sono uomini che non aspettano la propria compagna per nutrire il proprio figlio, sviando tuttavia il rischio di sentirsi un “mammo”, perché non si tratta di questo.

A questi padri, a queste madri, il mio augurio di oggi.

 

Continue Reading
Potrebbe piacerti anche

Ciao, mi chiamo Francesca di Sipio e sono l'ideatrice di questo portale web. Sono una psicologa clinica, psicoterapeuta, analista-transazionale ad approccio integrato, psicologa dello sport. Il mio studio è sul territorio di Chieti-Pescara. Mi trovi sui social, sulla mail ma soprattutto al 3477504713

Clicca per commentare

Devi essere loggato per pubblicare un commento Login

lascia un commento

Di più in: Educazione

Intervista a Umberto Galimberti

Intervista a Oscar de Pellegrin

Bambini e sviluppo psicolinguistico

Come si crea e mantiene la relazione tra genitore e bambino?

Sport e psicologia, intervista a Paolo Nicolai (parte I)

Caso Clinico: esempio di clinica integrata

Sport e metafora, ne parlo con Andrea Zorzi

La fenomenologia come etica

Lo psicologo dello sport è il tuo miglior alleato

Chi scrive per noi…

Articoli più letti

Eventi

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Gli interventi avranno lo scopo di illustrare le competenze necessarie ed il quadro normativo che determinano le varie figure professionali, rispondendo alle seguenti domande: chi è, cosa fa, quali norme regolano la professione, quale percorso formativo bisogna seguire, prospettive lavorative.

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Dettagli

Data: 5/12  giugno
Ora: 18:00 – 20:00

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

Laboratorio di fotografia sociale

Laboratorio di fotografia sociale

Laboratorio di fotografia sociale

Dettagli

Data: 4/18/25 maggio

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Dettagli

Data: 17 giugno
Ora: 19:00 – 21:00

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

IO E LA SM

IO E LA SM

IO E LA SM

Dettagli

Data: 28 giugno 2014
Ora: 9:00 – 13:30

Organizzatore

AISM Chieti
Email: aismchieti@libero.it

Luogo

Sala convegni CIAPI
Viale Abruzzo, 323
Chieti, Italia
+ Google Maps
Telefono: 0871560348

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

Ho pensato questo evento di condivisione, se sei uno studente di psicologia o uno psicologo.

Parleremo insieme di un caso clinico da me seguito e ti mostrerò come ho impostato il piano di trattamento a partire dalla richiesta del paziente.

Un approccio pratico, ti offrirò anche riferimenti bibliografici.

Staremo insieme saremo in una sessione Skype condivisa e saremo in 4 massimo in 6.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere sempre aggiornato, iscriviti alla newsletter gratuita: ogni mese contributi interessanti per te!

Scrivi sul blog

Children see, children do

To Top