Mettiti in comunicazione con noi

Una storia di Psicologia dello Sport al contrario

Sport

Una storia di Psicologia dello Sport al contrario

Quando incontrai per la prima volta Michele (nome di fantasia), mio paziente da qualche anno, non avrei mai immaginato che avrei potuto scrivere di sport attraverso la sua straordinaria storia.

Ma questo lavoro è così: sorprende, incanta, coinvolge, genera, trasforma.

Questo ragazzo sulla trentina d’anni porta impressi nella sua pelle, nel tessuto di parole di cui si compone la sua storia e nel suo corpo, i segni di un grave incidente, in cui venne investito da un mezzo pesante, qualche anno prima che ci incontrassimo: coma, interventi e fratture importanti.

Facemmo un bel pezzetto di strada insieme e più la relazione si faceva “terapeutica“, più il tema del corpo si faceva presente tra di noi.

Ricordiamo ancora oggi, in modo vivo, il giorno in cui, mentre parlavamo, gli chiesi se potessi mettermi accanto a lui (non di fronte come sempre capita quando lavoro).

Quel giorno grazie probabilmente a quel gesto delicato e potente allo stesso tempo, qualcosa si ruppe. Anzi qualcosa, che si andava risanando,  cominciava a venire sempre più fuori nella tela di quel racconto.

Con quel gesto, ingenuo e naturale, comunicammo a più livelli del fatto che nelle relazioni il corpo c’entra.

Di lì a poco nella vita affettiva, sociale, e lavorativa di Michele cominciava a ventilare aria fresca.

Mi sono guardato allo specchio e mi sono sentito figo“, disse un giorno.

Michele iniziava a stare bene in quel corpo, nonostante le cicatrici, a partire dalle cicatrici.

Gli esercizi di fisioterapia e ginnastica rieducativa furono un momento importante, in cui la dimensione temporale di quel ragazzo veniva ad essere scandita col ritmo del proprio benessere.

Passo dopo passo, Michele abitava in modo sempre più comodo il suo corpo, lo spazio, la vita.

Mi sono iscritto in palestra con il mio amico Riccardo -esordì un giorno- faccio arti marziali“.

Bene, Michele, un guerriero come te, non poteva scegliere una disciplina migliore, stai dando carne alle tue passioni“, chiosai.

Michele con lo sport sta imparando la disciplina e a sentire il proprio corpo, riconoscendone limiti e risorse. Michele, quando non ce la fa, si ferma e tutta la palestra fa il tifo per lui. Michele in quello sport sta bene, mangia meglio e sorride con una luce di soddisfazione nuova.

Michele combatte, non in pedana contro un avversario.

Michele combatte contro i pregiudizi di chi ti vuole perfetto e sano a tutti i costi. E spesso quel tiranno è dentro di noi.

Michele combatte con un grande alleato, la sua consapevolezza, la gioia di essere com’è, di essere proprio lui e non un altro, di essere la sua storia.

Dove lo porterà questo percorso di preciso non lo sappiamo. Non lo so io. Non lo sa lui.

Ma Michele è in pedana, il resto non conta.

 

 

 

Ciao, mi chiamo Francesca di Sipio e sono l'ideatrice di questo portale web. Sono una psicologa clinica, psicoterapeuta, analista-transazionale ad approccio integrato. Il mio studio è sul territorio di Chieti-Pescara. Mi trovi sui social, sulla mail ma soprattutto al 3477504713

Clicca per commentare

Devi essere loggato per pubblicare un commento Login

lascia un commento

Di più in: Sport

Intervista a Umberto Galimberti

Intervista a Oscar de Pellegrin

Bambini e sviluppo psicolinguistico

Come si crea e mantiene la relazione tra genitore e bambino?

Sport e psicologia, intervista a Paolo Nicolai (parte I)

Caso Clinico: esempio di clinica integrata

Sport e metafora, ne parlo con Andrea Zorzi

La fenomenologia come etica

Lo psicologo dello sport è il tuo miglior alleato

Chi scrive per noi…

Articoli più letti

Eventi

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Gli interventi avranno lo scopo di illustrare le competenze necessarie ed il quadro normativo che determinano le varie figure professionali, rispondendo alle seguenti domande: chi è, cosa fa, quali norme regolano la professione, quale percorso formativo bisogna seguire, prospettive lavorative.

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Dettagli

Data: 5/12  giugno
Ora: 18:00 – 20:00

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

Laboratorio di fotografia sociale

Laboratorio di fotografia sociale

Laboratorio di fotografia sociale

Dettagli

Data: 4/18/25 maggio

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Dettagli

Data: 17 giugno
Ora: 19:00 – 21:00

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

IO E LA SM

IO E LA SM

IO E LA SM

Dettagli

Data: 28 giugno 2014
Ora: 9:00 – 13:30

Organizzatore

AISM Chieti
Email: aismchieti@libero.it

Luogo

Sala convegni CIAPI
Viale Abruzzo, 323
Chieti, Italia
+ Google Maps
Telefono: 0871560348

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

Ho pensato questo evento di condivisione, se sei uno studente di psicologia o uno psicologo.

Parleremo insieme di un caso clinico da me seguito e ti mostrerò come ho impostato il piano di trattamento a partire dalla richiesta del paziente.

Un approccio pratico, ti offrirò anche riferimenti bibliografici.

Staremo insieme saremo in una sessione Skype condivisa e saremo in 4 massimo in 6.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere sempre aggiornato, iscriviti alla newsletter gratuita: ogni mese contributi interessanti per te!

Scrivi sul blog

Children see, children do

To Top