Mettiti in comunicazione con noi

Psicologia dello sport

Festival Rocky Marciano

Psicologia dello sport

Cos’è? Quali ambiti, tecniche, approcci?

L’obiettivo di questo articolo è quello di parlare un po’ di un aspetto della psicologia, quella dello sport, che è giovane, in crescita e che offre possibili scenari occupazionali nel variegato mondo legato a questa scienza.

Per diventare uno Psicologo dello Sport sono necessari:

  1. laurea Magistrale (3 +2) in Psicologia;
  2. 1000 ore di tirocinio;
  3. esame di abilitazione alla professione di psicologo;
  4. iscrizione all’Albo;
  5. master o corso di alta specializzazione riconosciuti in Psicologia dello Sport.

Questo significa che uno psicologo dello sport ha lavorato almeno 6 anni sulla propria formazione.

Ed è giusto così, perché le responsabilità legate a questa professione sono importanti.

La Psicologia dello Sport studia e lavora sui diversi processi cognitivi, emotivi e comportamentali legati all’attività sportiva (singoli atleti, squadre, allenatori, società sportive, dirigenti, staff, piccoli atleti, famiglie).

Proprio in virtù del fatto che l’utenza può essere così variegata, è importante aver approfondito in maniera particolare gli aspetti legati alla cognizione e percezione, all’età evolutiva, alla clinica e alle dinamiche di gruppo e comunità e alla psicologia sociale, delle organizzazioni e dell’arco di vita (penso al fine carriera di un atleta!).

Nel mio personale modo di lavorare sia come terapeuta, sia come psicologa dello sport, offro molto spazio alla relazione.

Innanzitutto quella che si instaura tra me e le persone con cui di volta in volta mi trovo in contatto. Questo mi permette di lavorare sui fattori intrapsichici e interpersonali legati alla prestazione sportiva.

I fattori intrapsichici riguardano il modo con cui l’atleta tratta se stesso: come si parla, quali emozioni prova, come si sta vicino, come si critica.

Tutti questi aspetti investono in modo importante la motivazione all’attività sportiva.

I fattori interpersonali, invece, riguardano la gestione delle relazioni. Anche nei cosiddetti sport individuali essi sono importanti: c’è sempre uno staff medico, un allenatore, un dirigente, un fisioterapista con cui fare squadra.

Ovviamente l’interpersonalità riguarda in modo ancora più evidente gli sport di squadra, in cui oltre a tutte le relazioni possibili (tra singoli atleti, tra atleti e mister, tra mister e società ecc. ecc.) esiste la relazione di ogni componente con la squadra stessa, che è un nuovo elemento che si genera ad ogni singolo gesto sportivo.

Ecco, in tal senso il fatto di essermi prima formata come psicologa clinica e psicoterapeuta influenza molto il mio modo di interpretare anche quest’altra area della mia professione.

Io sono convinta che partendo dalle relazioni si lavora con l’uomo, perché dalle relazioni noi siamo nati, in esse si sono intessute tutte le nostre capacità.

Io sono convita che per fare un buon lavoro con uno sportivo bisogna andare oltre l’atleta e il suo gesto, fino a toccare l’uomo.

L’uomo è interamente uomo soltanto quando gioca.

Friederich Schiller, filosofo.

 

 

 

 

 

 

Ciao, mi chiamo Francesca di Sipio e sono l'ideatrice di questo portale web. Sono una psicologa clinica, psicoterapeuta, analista-transazionale ad approccio integrato, psicologa dello sport. Il mio studio è sul territorio di Chieti-Pescara. Mi trovi sui social, sulla mail ma soprattutto al 3477504713

Clicca per commentare

Devi essere loggato per pubblicare un commento Login

lascia un commento

Di più in: Festival Rocky Marciano

Intervista a Umberto Galimberti

Intervista a Oscar de Pellegrin

Bambini e sviluppo psicolinguistico

Come si crea e mantiene la relazione tra genitore e bambino?

Sport e psicologia, intervista a Paolo Nicolai (parte I)

Caso Clinico: esempio di clinica integrata

Sport e metafora, ne parlo con Andrea Zorzi

La fenomenologia come etica

Lo psicologo dello sport è il tuo miglior alleato

Chi scrive per noi…

Articoli più letti

Eventi

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Psicologo, psicoterapeuta, counsellor e coach… figure a confronto

Gli interventi avranno lo scopo di illustrare le competenze necessarie ed il quadro normativo che determinano le varie figure professionali, rispondendo alle seguenti domande: chi è, cosa fa, quali norme regolano la professione, quale percorso formativo bisogna seguire, prospettive lavorative.

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Gruppo approfondimento per l'Esame di Abilitazione alla professione di Psicologo

Dettagli

Data: 5/12  giugno
Ora: 18:00 – 20:00

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

Laboratorio di fotografia sociale

Laboratorio di fotografia sociale

Laboratorio di fotografia sociale

Dettagli

Data: 4/18/25 maggio

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Gruppo di crescita personale per la gestione dell’ansia da esame o blocco da esame

Dettagli

Data: 17 giugno
Ora: 19:00 – 21:00

Organizzatore

Francesca di Sipio – psicologa clinica
Email: francesca.disipio@gmail.com

Luogo

via Monte Grappa
via Monte Grappa n 176
Chieti scalo, Italia
+ Google Maps
Telefono: 3477504713

 

IO E LA SM

IO E LA SM

IO E LA SM

Dettagli

Data: 28 giugno 2014
Ora: 9:00 – 13:30

Organizzatore

AISM Chieti
Email: aismchieti@libero.it

Luogo

Sala convegni CIAPI
Viale Abruzzo, 323
Chieti, Italia
+ Google Maps
Telefono: 0871560348

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

6 giugno 2017 h 18.00 Impostare un piano di trattamento: una possibile strada

Ho pensato questo evento di condivisione, se sei uno studente di psicologia o uno psicologo.

Parleremo insieme di un caso clinico da me seguito e ti mostrerò come ho impostato il piano di trattamento a partire dalla richiesta del paziente.

Un approccio pratico, ti offrirò anche riferimenti bibliografici.

Staremo insieme saremo in una sessione Skype condivisa e saremo in 4 massimo in 6.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere sempre aggiornato, iscriviti alla newsletter gratuita: ogni mese contributi interessanti per te!

Scrivi sul blog

Children see, children do

To Top